Visita oculistica per la patente: quando gli occhiali sono obbligatori?

Bisogna sottoporsi a una visita oculistica per la patente a ogni rinnovo, quindi ogni 10 anni fino ai 50 anni e ogni 5 anni e 2 anni successivamente.

- 5 Minuti di lettura

Per fare o rinnovare la patente di guida è necessario sostenere una visita oculistica. Questa permette di accertare l’acutezza visiva del guidatore così che quest’ultimo non diventi un pericolo per sé e per gli altri durante la guida.

A prescindere dalla patente, è sempre opportuno dai 18 ai 40 anni, in assenza di problemi, recarsi dall’oculista per un controllo almeno ogni 2-3 anni, ogni 2 anni dopo i 40 e ogni anno dopo i 65. In particolare, quando è in gioco la sicurezza stradale, è fondamentale accertarsi della visuale del soggetto e capire se ha la necessità di portare gli occhiali.

Visita oculistica patente: quando farla e come funziona

La visita oculistica per la patente è necessaria nel momento in cui si consegue il documento o quando si rinnova. La necessità di rinnovare la patente cade:

  • ogni 10 anni fino ai 50 anni di età;
  • ogni 5 anni dai 50 ai 70 anni;
  • ogni 3 anni dai 70 agli 80;
  • ogni 2 anni dopo gli 80.

Ognuno di questi step richiede l’accertamento da parte di un professionista che il candidato al rinnovo sia in grado di vedere correttamente.

Bisogna sapere che la visita oculistica per la patente non è “semplicemente” una visita oculistica, ma risponde ai rigidi parametri di misurazione impostati dal codice della strada. Ad esempio, per la patente del gruppo 1 (come ciclomotori, automobili, automobili con rimorchio) si controllano queste variabili:

  • acuità (la visione binoculare deve essere almeno di 12/10 e il campo visivo deve essere di almeno 160°)
  • sensibilità all’abbagliamento e tempo di recupero
  • daltonismo
  • visione al crepuscolo

I test indicano se il soggetto è in grado di guidare senza rappresentare un pericolo per sé e per gli altri. Il campo visivo, ad esempio, è molto importante. Per questo la visita tiene conto anche di altre patologie, ad esempio neurologiche, come il glaucoma, che colpisce il nervo ottico provocando spesso conseguenze sulla visione periferica.

Visita oculistica patente: dove farla e quanto costa

Dove si può fare questa visita? Si può rivolgersi alla propria ASL, a un’autoscuola oppure alla motorizzazione civile.

Il costo della visita alla ASL oscilla tra i 20 euro e i 40 euro da sommare alla marca da bollo (di circa 16 euro) che va applicata sul certificato. Nelle autoscuole la visita medica è più costosa (60-100 euro) ma si può prenotare più velocemente. Chi preferisce spendere meno è meglio che si porti avanti per tempo con la propria ASL di riferimento, per evitare di non poter circolare avendo la patente scaduta.

Visita oculistica per rinnovo patente con lenti a contatto

Il codice della strada prevede la possibilità di mettersi alla guida correggendo il proprio difetto visivo con occhiali o lenti a contatto. Durante la visita oculistica verrà stabilito se è necessario l’obbligo di occhiali o lenti alla guida, che verrà riportato sul documento (con la dicitura “guida con lenti”). Per non avere l’obbligo occorre avere almeno 10/10 complessivi, con meno di 2/10 mancanti nell’occhio che vede di meno, colmabile con lenti correttive.

Posto che la guida con occhiali anche senza obbligo è consigliata, per chi ha un qualunque difetto visivo, anche lieve, le persone abituate a guidare con le lenti a contatto possono farlo senza incorrere in multe o sanzioni, ma è sempre meglio tenere con sé anche un paio di occhiali di riserva, per ogni evenienza.

Devi rinnovare la patente? Informati per prenotare per tempo la tua visita oculistica, che ti permetterà di continuare a circolare con la tua macchina o moto.

 

Prenota un test della visita gratuito!